Attualità

Il Papa difende i docenti: “Sono sottopagati, vanno sostenuti con tutti i mezzi possibili”

Il Papa difende i docenti: “Sono troppo sottopagati, vanno sostenuti con tutti i mezzi possibili”

 

professori sono “sempre sottopagati”, vanno invece sostenuti “con tutti i mezzi possibili”. Lo ha sottolineato il Papa in occasione dell’udienza ai partecipanti al seminario organizzato in Vaticano dalla Pontificia Accademia delle Scienze Sociali sul tema ‘Istruzione: il Patto globale’.

I docenti vanno tutelati

“Davanti alle sfide dell’educazione, ha osservato Bergoglio, ruolo cruciale è quello dei docenti, “sempre sottopagati”. La loro funzione “deve essere riconosciuta e sostenuta con tutti i mezzi possibili. È necessario che abbiano a disposizione risorse nazionali, internazionali e provate adeguate” ha annotato ancora il Papa.

La rottura del patto educativo

Nel suo intervento, il Pontefice ha poi evidenziato che oggi “si è rotto il cosiddetto patto educativo”. Da qui l’appello ad investire sulla famiglia: “Uno dei modi fondamentali per migliorare la qualità dell’educazione a livello scolastico è ottenere una maggiore partecipazione delle famiglie e delle comunità locali ai progetti educativi”.

 

Intanto il Ministro Azzolina

 

Nelle prossime settimane partiranno tre concorsi per docenti. Lo ha annunciato la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, nel corso del ‘Question time’ alla Camera dei deputati. “E’ ormai imminente l’avvio dei concorsi – ha detto Azzolina – il concorso straordinario per 24 mila posti per la scuola secondaria primo e secondo grado sara’ bandito entro poche settimane ed i relativi vincitori andranno in cattedra entro il primo settembre.

Il concorso

Il concorso ordinario per 25 mila posti, sempre per la scuola secondaria di primo e secondo grado, sara’ bandito contestualmente al precedente – ha proseguito la ministra – e ci consentira’ di mettere in cattedra i vincitori nel successivo anno scolastico; anche il concorso ordinario per la scuola dell’infanzia e primaria sara’ bandito negli stessi tempi”.

 

continua a leggere Polisnews.it

Metti un LIKE ALLA NOSTRA PAGINA