Cronaca

Un’altra morte bianca, donna incastrata nel macchinario mentre lavora

É morta questa mattina, intorno alle 8.30, una donna di quarant’anni coinvolta in un incidente sul posto di lavoro: è rimasta incastrata in un macchinario di un’azienda in via Panaria a Camposanto, in provincia di Modena.

Sul posto sono immediatamente intervenuti i vigili del fuoco e i sanitari del 118, ma per la lavoratrice non c’era più nulla da fare. In corso le indagini dei carabinieri e della medicina del lavoro per ricostruire l’accaduto.

 

Leggi anche

Attacco hacker alla Regione Lazio: indagano pm antiterrorismo

Saranno anche i pm dell’antiterrorismo ad indagare sul violento attacco hacker alla Regione Lazio. In procura a Roma ieri pomeriggio è arrivata una prima informativa della Postale.

Il procuratore Michele Prestipino ha affidato gli accertamenti anche ai magistrati che si occupano dei reati informatici coordinati dal sostituto Angeloantonio Racanelli. Nel fascicolo si procede contro ignoti. Contestati vari reati tra cui accesso abusivo a sistema informatico e tentata estorsione.

Il procedimento coinvolge i due pool di pm alla luce del fatto che l’attacco, ancora in corso, ha colpito un sistema informatico complesso come quello del Lazio anche dal punto di vista del profilo dei dati sensibili e personalità dello Stato a cominciare dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del premier Mario Draghi.

“Entro 72 ore verranno ripristinate le funzionalità per le nuove prenotazioni di vaccino, con le medesime modalità di prima. È in corso una trasmigrazione e la deadline è quella delle 72 ore”, ha detto a Sky TG24 Alessio D’Amato, assessore alla Sanita’ della Regione Lazio, parlando degli effetti dell’attacco hacker. “Le somministrazioni in questi giorni non si sono mai interrotte – ha aggiunto -, secondo le prenotazioni precedenti che erano state prese, per cui non c’è mai stata l’interruzione della campagna vaccinale”.