Politica

Piano “Riformista” per Maresca: obiettivo Politiche 2023, ma niente centrodestra

“Droit au but”, dicono in Francia. Diritti alla meta. E allora la meta ora non sono più le Comunali ( ormai un ricordo), niente Europee né Regionali, ma elezioni Politiche 2023. Negli ambienti politici e non solo, ormai la voce di una prossima candidatura al Parlamento di Catello Maresca, con un partito riformista, è sempre più insistente. Un progetto che potrebbe essere coerente con quel piano lib-dem di cui farebbero parte Renzi, Calenda, Toti e una parte dei Piddini per dare una spallata al Movimento 5 Stelle.

 

Ma la voce di una prossima candidatura alle Politiche, a dire il vero, girava già da prima del 4 ottobre, data amara sia a Giorgio Meloni che a Matteo Salvini che hanno perso a Napoli. Esattamente  dal giorno dopo la bocciatura da parte del Consiglio di Stato della lista Prima Napoli. Una vicenda che tutt’ora non sembra molto chiara. Prima Napoli, una lista di prestigio, “l’alter ego” della Lega con Salvini, rappresentata da persone di un certo calibro che dimentica o per leggerezza non presenta il contrassegno elettorale della lista.