Politica

La furbata dell’ex assessore, la Clemente si defila a pochi giorni dall’ipotetico commissariamento 

La furbata dell’ex assessore, la Clemente si defila a pochi giorni dall’ipotetico commissariamento. Alessandra Clemente si dimette e non è più assessore al Patrimonio e alla Polizia Municipale di Napoli. E’ ormai ufficiale la notizia dopo le voci che si rincorrevano su una sua possibile dimissione.

Ma cosa c’è dietro? Perché oggi e non dopo il Ferragosto? Semplice, dopo il 13 agosto il Comune rischia il commissariamento. Il rischio di una mancata approvazione del bilancio  ( dato che non ci sono i tempi) è dietro l’angolo. Il Consiglio Comunale quindi si sarebbe “sciolto” e con il commissariamento la Clemente avrebbe perso il diritto di candidarsi a sindaco. Questa è l’ipotesi più accreditata.

L’altra, meno probabile ma che lascia sempre quell’interrogativo sospeso è di un possibile ingresso nella coalizione Manfredi ( i cui sponsor sarebbero i senatori Sandro Ruotolo e Paolo Siani). Ma quest’ultima voce corre da tempo, tanto tempo, e ormai ha perso anche un po’ il suo effetto sorpresa…forse.

Le parole su Facebook di Alessandra Clemente ( ex Assessore del Comune di Napoli)

La mia candidatura a sindaco di Napoli è il naturale proseguimento del cammino fatto in questi anni all’interno della macchina amministrativa, una lunga gavetta che mi ha aiutato a conoscere in profondità le problematiche della nostra città ma anche il modo di risolverle.
Strada per strada, in questi otto anni, ho fatto mie le facce, le storie, le esperienze e i sogni delle migliaia di napoletane e napoletani incontrati durante il mio mandato da assessore. A loro devo una visione giovane e proiettata nel futuro della città, che voglio realizzare guidando la squadra dell’amministrazione cittadina.
É grazie a loro e solo per loro che da oggi lavorerò ancora più duramente per far sì che, da sindaco, i nostri desideri possano realizzarsi.
Fino a ieri è stato prevalente il tempo dedicato a obiettivi fondamentali, al tempo stesso cruciali e difficili, come l’avvio dei lavori della Galleria Vittoria. Portati a termine, per l’immediato presente e futuro della città, con senso di responsabilità, sento di poter terminare la mia esperienza da assessore, per portare avanti la mia candidatura a Sindaco di Napoli.
Negli ultimi otto anni ho svolto questo ruolo con tenacia, passione e abnegazione, non lesinando tempo, energie e vita personale, in nome del mandato che mi è stato affidato, a servizio della città di Napoli. Ringrazio Luigi de Magistris per l’impareggiabile fiducia accordata nel 2013 a una ragazza di 25 anni ed i napoletani, che mi hanno eletta Consigliera nelle amministrative del 2016 e sono stati determinanti nel cammino fatto fino ad ora. Grazie anche a tutti i colleghi, alla mia segreteria, al mio staff e al personale degli uffici del Comune che mi hanno accompagnato nel corso di questa lunga esperienza istituzionale.
Il mio impegno per le napoletane e i napoletani non termina qui, non ho intenzione di disperdere il bagaglio di esperienza e studio maturato in questi anni. Nelle prossime settimane mi dedicherò totalmente, assieme alle donne e agli uomini della coalizione che mi sostiene, a mettere le basi per un ulteriore salto di qualità nel percorso politico intrapreso.
Lavorare per la propria città è l’esperienza più intensa e gratificante che un napoletano possa vivere.