Cronaca locale

Concorsopoli a Sant’Anastasia, si fingevano gay per sostituire le prove scritte

Si allarga lo scandalo Concorsopoli a Sant’Anastasia. Stando a quanto riporta il mattino, l’ex segretario generale del Comune Egizio Lombardi e l’imprenditore salernitano Alessandro Montuori avevano escogitato un escamotage per sostituire materialmente gli elaborati dei partecipanti al concorso. I due fingevano di essere una coppia gay per entrare in una camping di Pompei ( noto per essere un luogo dove gli amanti passano qualche ora) e agire indisturbati. A raccontare tutto è Paolo Iorio, altro elemento della banda.

Il funzionamento del sistema

Sempre secondo quanto riporta il quotidiano Napoletano, il candidato che pagava la somma in danaro veniva selezionato da Iorio ( il consigliere comunale) su indicazione del sindaco Abete. Il concorrente consegnava parte della somma alla prima prova. Questa consisteva in un quiz a risposta multipla.

Dopo i test, seguivano la prova scritta e l’orale. Al candidato erano fornite sei tracce che avrebbe dovuto sviluppare e salvare su una pen-drive. Il piccolo hard disk andava dritto nelle mani di Lombardi. Il candidato passava poi a copiare le tracce sui fogli protocollo forniti da Iorio.

 

continua a leggere 

 

fonte IlMattino