Cronaca

Amore Criminale, la storia di Elisa: morta per mano di chi non voleva che avesse una vita

Un’altra storia triste, brutta, quella di Elisa, uccisa dal suo compagna ossessionato dalla gelosia. E’ la storia che verrà presentata questa sera durante la trasmissione di Amore Criminale, condotta da Veronica Pivetti.

Il triste destino di Elisa, una giovane donna di 30 anni che adora gli amici, uscire la sera, viaggiare e fare shopping. Allegra e spensierata, lavora in un negozio come commessa: si paga gli studi per diventare allevatrice di cani.

Nel 2015, dopo un insistente corteggiamento di Federico Zini, giovane promessa del calcio, Elisa si fidanza con lui. Tra i due si instaura subito un forte legame d’amore. Ma presto subentrano le note negative e quel rapporto in apparenza perfetto si rivela pieno di crepe.

Federico comincia a controllare Elisa: non vuole che esca con le amiche. Controlla le sue attività, i suoi movimenti e chiede che lei diventi solo per lui dedicandogli tutte le attenzioni e tutti gli istanti della sua vita. Il momento di forte crisi lo avranno quando nel 2017 decidono di andare a convivere. Elisa in quel periodo viene completamente isolata dalle sue amicizie. Una scintilla di libertà e indipendenza la porta ad allontanarsi da Federico, anche se questo allontanamento non avverrà mai in modo definitivo.

Il ragazzo – attraverso regali, fiori e proposte di viaggi – cerca di far tornare Elisa da lui. Ma la ragazza si rifiuta. Il 25 maggio 2018, dopo una serata trascorsa a bere con gli amici, Elisa rientrando a casa incontra la morte per mano del suo compagno, che la uccide sparandole tre colpi, dopo averla presa a pugni.

Dopo l’omicidio, Federico si toglie la vita. I corpi sono stati ritrovati nel parcheggio del campo sportivo di San Miniato, città nella quale il ragazzo viveva con i genitori e con il fratello.