Politica

Sarracino punzecchia Casillo e Fiola: “Le pagine più brutte della storia del PD”

Il segretario Pd di Napoli tira una frecciatina a Mario Casillo e Bruna Fiola, ergo a Vincenzo De Luca. La frase sulla quale qualcuno ha messo sotto la lente di ingradimento è tratta dal suo ultimo post su Facebook, per annunciare la chiusura a Scampia.

Con lui ( con Gaetano Manfredi) il PD chiuderà la campagna elettorale a Scampia, assieme ad Andrea Orlando. Non sono coincidenze: Scampia è il luogo delle promesse mancate, delle passerelle, delle grandi sofferenze, di alcune delle pagine più brutte della storia di un PD che in quel territorio stiamo provando a rinnovare completamente. Ma è anche il luogo delle grandi opportunità, dei tanti giovani che vogliono restare, delle storie di successo, di chi chiede solo che venga fornita una opportunità. Noi ci siamo, non solo perché siamo cambiati e non solo perché il PD ha senso se svolge una funzione innanzitutto in questi posti. Ci siamo perché vogliamo costruire un rapporto di fiducia con un popolo a cui va regalata una nuova speranza! Buon finale di campagna elettorale a tutti e viva il Partito Democratico!

Promesse mancate? passerelle? grandi sofferenze? Pagine più brutte della storia del PD? Ma con chi ce l’ha? Nello specifico con due persone, rappresentanti del Pd nel quartiere di Scampia, e quindi due aree: Giorgio Ariosto, vicinissimo a Bruna Fiola ( a sua volta vicinissima a Vincenzo De Luca) e a Mirco Capuano, vicinissimo a Mario Casillo. Sottoscritto e non specificato al Presidente dell’VIII Municipalità Apostolos Paipais ( in quota Italia Viva).

E diciamo che a Scampia, tra l’altro, c’è il giallo di Stefano Di Vaio, da sempre vicino al Pd, assessore anche in giunta Paipais e poi passato, in questa tornata elettorale nelle fila di Catello Maresca con Essere Napoli ( una delle liste più forte del candidato).