Cronaca

Denise Pipitone, l’avvocato Frazzitta: “Ci sono testimoni oculari, hanno paura”

A Domenica In si torna a parlare del caso di Denise Pipitone e interviene Giacomo Frazzitta, l’avvocato di Piera Maggio. Il legale riporta gli ultimi aggiornamenti e fa riferimento alla lettera anonima pervenuta pochi giorni fa. Sembra che la comunità di Mazara del Vallo sia finalmente decisa a collaborare: «Grazie alla sollecitazione mediatica è arrivata una lettera anonima che reputiamo essere interessante da approfondire.

Abbiamo iniziato questo colloquio. Ieri, inoltre, un’associazione di volontariato ha messo 5mila euro ed è la prima volta che qualcuno di Mazara fa questo».

Giacomo Frazzitta spiega che nel caso della bambina scomparsa nel nulla 17 anni fa ci sono aggiornamenti importanti e che chi sa deve parlare: «Il fatto che la Procura si sia rimessa in moto vuole dire che ci sono elementi di novità.

Noi continuiamo a chiedere di dare informazioni. Posso aggiungere un fatto, è chiaro che dal contenuto della lettera anonima posso affermare che ci sono diverse persone che sono state testimoni oculari a Mazara.

Questo mi fa molta rabbia, vuol dire che per 17 anni molti sono stati in silenzio. Ma come è possibile avere paura? C’è la giustizia che deve andare avanti, Piera Maggio che ha diritto ad avere delle risposte».

«Questa lettera anonima – continua l’avvocato – racconta una fase riportando degli elementi che potrebbero spostare l’attenzione da Jessica Polizzi e Anna Corona. Non ci sono zingari o pedofili, ma nel puzzle ci sono altre figure. Sempre nell’ambito della famiglia allargata, ma dobbiamo stare attenti.

Era mezzogiorno, possibile che nessuno ha visto niente? Mandateci altre lettere anonime, ma spiegateci». Poi l’appello all’autore della lettera anonima: «Continua ad aiutarci».