Apertura

Bufera in Regione Campania, domiciliari per Giovanni Savastano. I nomi dei coinvolti

Bufera in Regione Campania, domiciliari per il consigliere Giovanni Savastano

Associazione per delinquere finalizzata alla turbata libertà degli incanti e corruzione elettorale. Sono i reati di cui è accusato Giovanni Savastano, detto Nino, consigliere regionale del movimento Campania Libera, nei confronti del quale è stata eseguita una misura cautelare applicativa della custodia domiciliare.

 

Degli stessi reati dovrà rispondere Fiorenzo Zoccola, presidente di una cooperativa sociale e gestore di fatto di diverse altre cooperative che avevano in gestione la manutenzione ordinaria e conservativa del patrimonio del Comune di Salerno. Nei suoi confronti è stata eseguita una misura applicativa della custodia in carcere.

 

L’operazione è stata eseguita questa mattina dagli agenti della squadra mobile di Salerno che hanno dato esecuzione a una ordinanza cautelare emessa dal Gip del tribunale di Salerno su richiesta della procura salernitana. Nell’ambito dell’indagine, Luca Caselli, dirigente del settore ambiente del Comune di Salerno, è finito ai domiciliari ed è accusato di associazione a delinquere finalizzata alla turbata libertà degli incanti inerenti l’aggiudicazione di appalti.

Stesse accuse mosse nei confronti di imprenditori di fatto, titolari delle cooperative aggiudicatarie degli appalti, per i quali è stato disposto il divieto di dimora nel Comune di Salerno.