Cronaca

Mamma morta sul lavoro, indagate due persone per la scomparsa di Luana

La procura di Prato ha aperto un’inchiesta sulla morte di Luana D’Orazio ed ha iscritto stasera due persone nel registro degli indagati. Lo apprende l’ANSA da fonti inquirenti. Le iscrizioni sarebbero legate agli accertamenti tecnici che si stanno anche concentrando sulla valutazione del funzionamento dei dispositivi di sicurezza del macchinario tessile, un orditoio, in cui e’ rimasta incastrata la giovane operaia il 3 maggio in una ditta di Montemurlo.

Le toccanti parole della mamma della 22enne che ha perso la vita in un’azienda tessile di Montemurlo

“Era dolce, bella, buona, solare, umile”. Sono le toccanti parole di Emma Marrazzo nel ricordare sua figlia Luana D’Orazio, la 22enne pistoiese morta in un infortunio sul lavoro in un’azienda tessile di Montemurlo in provincia di Prato. “Era contenta del lavoro che faceva, le piaceva lavorare.

Aveva tanta voglia di lavorare per costruirsi un futuro perché era fidanzata da due anni”. “Ora voglio giustizia”, ha aggiunto la madre parlando con i cronisti davanti alla sua abitazione. “Il nostro primo pensiero adesso è per il bambino di Luana, 5 anni e mezzo, ragazza madre, che amava tanto la vita. Al bimbo non faremo mancare nulla, ma certo gli mancherà l’essenziale, l’amore della sua bella e brava mamma. Gli diremo che è volata in cielo e adesso è una stella”.

Le parole di Leonardo Pieraccioni

“Notizia terribile, vista la sua età e la modalità dell’incidente. Lascia un bambino di cinque anni, non ci sono parole”

alternate text

Un incidente ieri in fabbrica e la vita di Luana D’Orazio, 23enne rimasta intrappolata in un macchinario nell’azienda tessile dove lavorava, si spezza. Oggi arriva il ricordo di Leonardo Pieraccioni, che con la giovanissima mamma aveva lavorato qualche anno fa.

“L’ho avuta come comparsa in un mio film, Se son rose, nella scena di una festa – si legge nella dichiarazione di Pieraccioni riportata da Che tempo che fa -. Il ricordo di quella scena di una festa spensierata di ventenni aggiunge ancora più dolore. Perché la vita a vent’anni dovrebbe essere e continuare così, come una festa. È una notizia terribile, vista la sua età e la modalità dell’incidente. Lascia un bambino di cinque anni, non ci sono parole. Per quanto possa servire, mando un abbraccio fortissimo alla sua famiglia”, conclude Pieraccioni. Il ricordo del regista toscano è accompagnato da una delle foto scattate sul set dalla giovane e pubblicate nell’account Instagram nel 2018.