Cronaca

Corleone, due ragazzini perdono la vita a causa di un incidente: alla guida un minore

Due giovani morti a causa di un incidente a Corleone

Aveva una passione sfrenata per le auto e per questo si sarebbe messo alla guida della vettura del padre nonostante i suoi soli sedici anni e, quindi, senza patente. È la ricostruzione ritenuta, allo stato, maggiormente attendibile dai carabinieri che indagano sull’incidente stradale avvenuto nella notte tra sabato e domenica a Corleone in cui sono morti il minorenne, Rosario, e una 18enne, Giulia Sorrentino.

Due giovani morti a causa di un incidente a Corleone

Altri due giovani, di 19 e 17 anni, sono rimasti feriti. Secondo i primi accertamenti eseguiti da i militari dell’Arma della locale compagnia, l’auto sarebbe uscita di strada sulla Strada statale 118 per l’alta velocità, finendo poi in un burrone. Sull’asfalto, infatti, non sarebbero state trovate tracce di frenata. Per chiarire la dinamica dell’incidente e stabilire le responsabilità i carabinieri sentiranno i due ragazzi che si sono salvati dalla tragedia che sono ricoverati nell’ospedale Bianchi e al Civico. Secondo i medici le loro condizioni starebbero migliorando ed entrambi sarebbero fuori pericolo.

Il racconto

Uno dei due ieri sera si è risvegliato ed è stato sentito dai carabinieri. Il testimone ha raccontato che la comitiva èpartita dal paese per raggiungere un pub a Bisacquino e trascorrere lì la serata. In auto erano in quattro. All’andata a guidare la Fiat Punto era il giovane maggiorenne. Il padre del ragazzo morto gli avrebbe consegnato le chiavi dell’auto. Al ritorno verso Corleone, Rosario, avrebbe chiesto di guidare. Altre volte era successo.

La dinamica

Nella vettura al lato guida c’era Rosario, a fianco uno dei due giovani rimasti feriti. Giulia Sorrentino, l’altra vittima dell’incidente di appena 18 anni, si trovava sul sedile posteriore dietro a Rosario. Nell’impatto sono morti sul colpo i due giovani che si trovavano dal lato guida. In queste ore il veicolo è stato recuperato dal burrone in cui era precipitati e sono in corso gli accertamenti tecnici che serviranno ai carabinieri, coordinati dalla procura di Termini Imerese, per stabilire le responsabilità dell’ennesima tragedia del sabato sera.